ANACREONTE




LIBAGIONI

Suvvia dunque,
portaci un orcio, ragazzo,
di modo che beva d'un fiato,
versando dieci parti d'acqua e dieci di vino,
affinchè di nuovo io possa baccheggiare sfrenatamente.
Suvvia, di nuovo non più così con chiasso e urla
pratichiamo la bevuta sciitica,
ma sorseggiando fra canti leggiadri




LA FANCIULLA DI LESBO

La palla rossa
a me lancia Eros dai capelli d’oro
e con una fanciulla dai sandali a colori
mi spinge a giocare.

Ma essa, ch’è di Lesbo dalle belle case,
sdegna a me bianco già sul capo
e avida sospira per un altro.




LA PULEDRA

Puledra tracia,perchè mai lanciandomi occhiate di traverso
senza pietà mi sfuggi? Pensi che io sia un buono a nulla
e pensi che io non conosca nulla di sapiente?
Sappilo bene, io potrei facilmente metterti il morso.
e reggendoti le briglie potrei farti girare attorno alle mete del percorso:
adesso invece pascoli nei pratiti diverti a saltellando leggera
perchè non hai un cavaliere esperto che ti monti.




ASCOLTA

O signore, col quale Eros giovenco
e le Ninfe occhi azzurri
e Afrodite purpurea giocano, per le balze
alte dei monti ti aggiri:
vieni - ti supplico -
a noi, e gradita
ascolta la mia preghiera:
a Cleobulo dà buoni
consigli; egli accetti,
o Dioniso, il mio amore.



FRAMMENTI

Fanciullo sguardo di vergine,
io ti bramo. Ma tu non ascolti:
non sai che dell'animo mio
tieni tu le briglie.
 



 
Di nuovo, con un maglio grande Eros, come un fabbro,
mi colpì, e in un torrente gelido mi immerse.
 



 
 
 
Di Cleobulo sono innamorato;
per Cleobulo impazzisco;
Cleobulo io guardo fisso
 
 
 
Ormai canute son le mie
tempie, e bianco è il capo:
la giovinezza amabile
non c'è più, e vecchi sono i denti:
della vita dolce non molto
è il tempo che resta.
Per questo, io piango
spesso, temendo il Tartaro.
Terribile è l'antro
di Ade: penosa
è la discesa; e per chi è andato giù
è destino non risalire.
Torna all'inizio


 
Porta l'acqua, porta il vino, ragazzo,
porta a noi corone
fiorite: fare a pugni
con Eros io non voglio.
Torna all'inizio

 

 
Prima, aveva un berretto, un copricapo a forma di vespa,
dadi di legno alle orecchie, e intorno ai fianchi
una pelle consunta di bue,
fodera sozza di un vile scudo; fornaie
e invertiti frequentava il furfante Artemone,
escogitando una vita di imbrogli,
ora il collo ponendo sul ceppo, ora sulla ruota,
ora fustigato sul dorso da una sferza di cuoio,
con la barba e i capelli spelacchiati.
Adesso, se ne va in carrozza, ostentando pendagli d'oro,
il figlio di Cica, e porta un ombrellino d'avorio,
                                                                                                             come le donne.





                                                                                                       

                                                                                              MUSICA: GRECA CETRA