GIOVANNI  MARRADI



Dopo la neve
 
E al sole or brilla, fredda primavera,
un fiorir bianco d'orti e di giardini,
e i monti, in giro, splendono argentini
al mite sol che nell'azzurro impera.
 
E tutta a lui, dalla sua bianca faccia,
ride la terra un riso d'oro. O sole,
scalda col raggio tuo gl'inverni crudi.
 
E tu, provvida neve, i germi schiudi
per cui sudaron tante braccia umane,
sì che la terra pia maturi il pane
alla prole dell'uom, che attende e spera.
                                                                 





Neve in città

E da una striscia argentea di cielo,
 che fra i neri edifici alta serpeggia,
neve e neve giù giù fiocca e volteggi
muta al tuo muto soffio, aria e gelo.
E in bianca pioggia di fiori infinita
vien danzando giù giù neve su neve,
lieve a ogni soffio che tu soffi lieve
fra i palagi di marmo, arie di gelo.






Notturno

Su la marina immobile
Come un gran vel d'argento,
Stellato, ampio, dïafano
S'incurva il firmamento;
E noi ridente vigila
Il grande occhio lunar
Soli, abbracciati, immemori,
Tra firmamento e mar.







Voi

Voi che senza guardar per via passate
Grassi del pane altrui, Proci insolenti,
Che col cilindro e con le vaghe lenti
Il lampo dei felini occhi temprate









                                                                                                       Biagio Antonacci
C' è Ancora Qualcuno