Giuseppe Ungaretti
                                                                                                                           
                                                                                                                         
                                                                                                                       
                                                                                                                 

Stella, mia unica stella


Stella, mia unica stella,
Nella povertà della notte sola,
Per me, solo, rifulgi,
Nella mia solitudine rifulgi;
Ma, per me, stella
Che mai non finirai d’illuminare,
Un tempo ti è concesso troppo breve,
Mi elargisci una luce
Che la disperazione in me
Non fa che acuire.




  • Annientamento 

  • Il cuore ha prodigato le lucciole
  • s'è acceso e spento
  • di verde in verde
  • ho compitato  
  • Colle mie mani plasmo il suolo
  • diffuso di grilli
  • mi modulo
  • di
  • sommesso uguale
  • cuore 
  • M'ama non m'ama
  • mi sono smaltato
  • di margherite
  • mi sono radicato
  • nella terra marcita
  • sono cresciuto
  • come un crespo
  • sullo stelo torto
  • mi sono colto
  • nel tuffo
  • di spinalba 
  • Oggi
  • come l'Isonzo
  • di asfalto azzurro
  • mi fisso
  • nella cenere del greto
  • scoperto dal sole
  • e mi trasmuto
  • in volo di nubi 
  • Appieno infine
  • sfrenato
  • il solito essere sgomento
  • non batte più il tempo col cuore
  • non ha tempo né luogo
  • è felice
  • Ho sulle labbra
  • il bacio di marmo
  •             Nostalgia


    Quando
    la notte è a svanire
    poco prima di primavera
    e di rado
    qualcuno passa

    Su Parigi s'addensa
    un oscuro colore
    di pianto

    In un canto
    di ponte
    comtemplo
    l'illimitato silenzio
    di una ragazza
    tenue

    Le nostre
    malattie
    si fondono

    E come portati via
    si rimane


    Peso


    Quel contadino
    si affida alla medaglia
    di Sant'Antonio e va leggero

    Ma ben sola e ben nuda
    senza miraggio
    porto la mia anima

    Tramonto


    Il carnato del cielo
    sveglia oasi
    al nomade d'amore


    I fiumi


    Mi tengo a quest'albero mutilato
    abbandonato in questa dolina
    che ha il languore di un circo
    prima o dopo lo spettacolo
    e guardo
    il passaggio quieto
    delle nuvole sulla luna
    Stamani mi sono disteso
    in un'urna d'acqua
    e come una reliquia
    ho riposato
    L'Isonzo scorrendo
    mi levigava
    come un suo sasso
    Ho tirato su
    le mie quattr'ossa
    e me ne sono andato
    come un acrobata
    sull'acqua
    Mi sono accoccolato
    vicino ai miei panni
    sudici di guerra
    e come un beduino
    mi sono chinato a ricevere
    il sole
    Questo è l'Isonzo
    e qui meglio
    mi sono riconosciuto
    una docile fibra
    dell'universo
    Il mio supplizio
    è quando
    non mi credo
    in armonia
    Ma quelle occulte
    mani
    che m'intridono
    mi regalano
    la rara
    felicità
    Ho ripassato
    le epoche
    della mia vita
    Questi sono
    i miei fiumi
    Questo è il Serchio
    al quale hanno attinto
    duemil'anni forse
    di gente mia campagnola
    e mio padre e mia madre
    Questo è il Nilo
    che mi ha visto
    nascere e crescere
    e ardere d'inconsapevolezza
    nelle estese pianure
    Questa è la Senna
    e in quel suo torbido
    mi sono rimescolato
    e mi sono conosciuto
    Questi sono i miei fiumi
    contati nell'Isonzo
    Questa è la mia nostalgia
    che in ognuno
    mi traspare
    ora ch'è notte
    che la mia vita mi pare
    una corolla
    di tenebre

    Mattino
        
    M'illumino
    d'immenso.
    ..




    O notte

    Dall’ampia ansia dell’alba
    Svelata alberatura.

    Dolorosi risvegli.

    Foglie, sorelle foglie,
    Vi ascolto nel lamento.

    Autunni,
    Moribonde dolcezze.

    O gioventù,
    Passata è appena l’ora del distacco.

    Cieli alti della gioventù,
    Libero slancio.

    E già sono deserto.

    Preso in questa curva malinconia.

    Ma la notte sperde le lontananze.

    Oceanici silenzi,
    Astrali nidi d’illusione,

    O notte




    Sono un poeta

    Sono un poeta

    un grido unanime
    sono un grumo di sogni

    Sono un frutto
    d’innumerevoli contrasti d’innesti
    maturato in una serra


    Giorno per giorno

    Distende la stagione più clemente!…
    Mai, non saprete mai come m’illumina
    L’ombra che mi si pone a lato, timida,
    Quando non spero più…
     
    In cielo cerco il tuo felice volto,
    Ed i miei occhi in me null’altro vedano
    Quando anch’essi vorrà chiudere Iddio…
     
    E t’amo, t’amo, ed è continuo schianto
     
    Inferocita terra, immane mare
    Mi separa dal luogo della tomba
    Dove ora si disperde
    Il martoriato corpo…
    Non conta… Ascolto sempre più distinta
    Quella voce d’anima
    Che non seppi difendere quaggiù…
    M’isola, sempre più festosa e amica
    Di minuto in minuto,
    Nel suo segreto semplice…
     
    Non più furori reca a me l’estate,
    Né primavera i suoi presentimenti;
    Puoi declinare, autunno,
    Con le tue stolte glorie:
    Per uno spoglio desiderio, inverno

    Eterno

    tra un fiore colto e l’altro donato
    l’inesprimibile nulla

    Veglia

    Un’intera nottata

    Buttato vicino

    A un compagno

    Massacrato

    Con la sua bocca 

    Digrignata

    Volta al plenilunio

    Con la congestione

    Delle sue mani

    Penetrata 

    Nel mio silenzio

    Ho scritto

    Lettere piene d’amore

    Non sono mai stato

    Tanto 

    Attaccato alla vita


    Natale

    Non ho voglia

    Di tuffarmi

    In un gomitolo

    Di strade

     

    Ho tanta

    Stanchezza

    Sulle spalle

     

    Lasciatemi così

    Come una

    Cosa

    Posata

    In un

    Angolo

    E dimenticata

     

    Qui

    Non si sente

    Altro

    Che il caldo buono

     

    Sto

    Con le quattro

    Capriole

    Di fumo

    Del focolare