I POETI MALEDETTI


L’espressione  di poeta maledetto ha superato i limiti di un’epoca, e può oggigiorno qualificare altri autori oltre agli amici di Verlaine[. Essa designa in generale un poeta (ma anche un musicista, o artista in genere) di talento che, incompreso, rigetta i valori della società, conduce uno stile di vita provocatorio, pericoloso, asociale o autodistruttivo (in particolare consumando alcol e droghe), redige testi di una difficile lettura e, in generale, muore ancor prima che al suo genio venga riconosciuto il suo giusto valore. Questo appellativo di maledetto lo attribuì Verlaine a sé stesso, ma esso avvolge in un alone indefinibile autori di epoche diverse


  
I nomi evidenziati in rosso sono  già riportati in " indice"

  Cecco Angiolieri
 François Villon
Thomas Chatterton
Aloysius Bertrand
Gérard de Nerval
Charles Baudelaire
Lautréamont
 Petrus Borel
Charles Cros
Germain Nouveau
Guy de Maupassant
Antonin Artaud
Émile Nelligan
Armand Robin
Olivier  Larronde
John Keats
 Edgar Allan Poe

     

eEREDITA' DEL MALEDETTISMO

Ad oggi, oltre agli autori già citati, ne sono comparsi altri, anche in tempi recenti, che hanno alimentato il mito del poeta maledetto, e questi sono:



 Karel Hynek Mácha
 Marceline Desbordes-Valmore
 Alejandra Pizarnik

 Nikolaus Lenau
 Salvatore Toma
 Antonio Verri
Claudia Ruggeri

Jean-Pierre Duprey
André Frédérique
 Roger Milliot
Gérald Neveu
Jacques Prevel

Roger-Arnould Rivière

Jean-Philippe Salabreuil 
Ilarie Voronca


                                                                                                                                                 

     

                                                                                                                                  LA SCAPIGLIATURA
                                                                                                                                              in Italia

In Italia in particolare, il decadentismo si era propagato anche, e il fenomeno dei poeti maledetti ha influenzato la creazione di un movimento di « Maledettismo » con artisti che si ispiravano dai poeti francesi e che respingevano le regole e la morale comune per vivere nell'eccesso e la decadenza. Il gruppo più rappresentativo di questo fenomeno era la « Scapigliatura » con artisti originali, diversi, chiaramente fuori delle regole e alcuni dei suoi poeti erano considerati come poeti maledetti perché cercano di vivere lo stesso modo di vita che quello dei maledetti famosi come Baudelaire.
Tra i scapigliati considerati come poeti maledetti, possiamo citare:

Emilio Praga

Vittorio Imbriani
Giovanni Camerana
Iginio Ugo Tarchetti
Carlo Dossi
Arrigo Boito