Mie Poesie

 
immagine                    

     RISVEGLIO  

Profumi di rose m'investe da giorni
e il venticello amico spande profumi
miscelanea di gelsomini magia
di un misto irreale eppur vivo
..e la vita riprende..
il mondo si risveglia e
mi lascio coccolare dai colori
rapita da questa magica armonia.
Piccolo fazzoletto di terra,
singolare giardino mio..
quanti doni mi riservi,
generosità e abbondanza.
tra magnolie e ortensie,
plumbago e lillà
gli occhi miei si tingono
di colore come se
il mio mondo fosse tutto qua

   SOGNANDO  

Di che amori mi ami?
se il tuo
essenza d'amore
non fosse...
Non fosse il caldo
come sole d'oriente
non fosse dolce
come una danza sotto la pioggia
Dimmi, di che amore m'ami
tu che dici di amarmi
e io seguo il mio volo
di speranze nascoste
tra stelle di latta
lotto contro me stessa
Volo su sfumature di parole
divisa..
tra la tua incessante presenza
e la rabbia
scaturita dalla tua assenza.
Volo su sfumature di orizzonti
tra echi di un amore mai pago
volo sognando quiete
che mi scivoli addosso
come fresca seta d'oriente.


  BUONGIORNO  

Una tazza di caffè..
sia dolce o amaro..
aroma di occhi aperti al mondo,
così son della vita gli istanti..
mai gli stessi..
si vivono al momento
poi passano lievemente avanti
o sono ricordi..o rimpianti,
ciò che resta sul fondo
è come zucchero secco..
o caffè di giorni..
così, nell'anima, croste degli istanti
e mi ricorderò di te..
bevendo da sola una tazza di caffè
E tu..
ad ogni nube cha passa sospesa,
quando non sorriderai
perchè piogge e vento mi darai
ti rammenterai di me ?
Invece io ti mando il mio sorriso
perchè..ti amo,caro mondo
e..una tazza di caffè..
sia dolce o amaro..
con l'aroma dei miei occhi
Il tuo buongiorno
sarà ciò che resta
dei miei istanti volati via
mai gli stessi..
vissuti,amati,
donati o strapazzati
veloci per un pensiero d'amore
sì..ti rammenterai di me..
perchè ti amo mondo
nulla...è mai stato così grande
se non questo..il mio cuore..
Dolce amaro,come una tazza di caffè.
buongiorno a te, mio dolce mondo

   CIAO AMICO  

Allegro e sereno dei tempi andati,
oggi con i tuoi ricordi
mi affolli la mente
amico mio ci hai lasciato,
ma il risuonare delle tue risa..
da ogni angolo e dai tuoi occhi
accesi e impertinenti
guardano il mondo come ieri,
rimane il vuoto della tua figura
nei cuori dei tanti o di una sola
ma fammi dire ancora una parola
nella mente di lei, di me e di altri
rimmarrai una splendida creatura
Amico mio, non è l'ultimo saluto
quel ci hai dato, di questo son sicura,
tu zitto anche nell'aldilà
di sicuro noni sai stare..
ecco già ti vedo saltellare
come un grillo sulla spalla
di chi ti ha saputo tanto amare.

   PASSAGGIO  

Quel che inizialmente par
...può divenir...
con l'opre del lungo di
sorriso dal volto svanì
segreti al proprio mondo
e la mente mia irrigidì.

Umana solitudine
frontiera inafferabile
ove domina il pensiero
ovunque esso sia
libera da frustrazione
or il cor mio
nulla deve più dir

ARCOBALENO  

Così il sorriso diventa folklore
e si beffa del torpore,
dà vita all'arte dei colori
con un pensiero..un arcobaleno
sgonfia le nuvole fino al sereno
e dall'ascesa della visione celestiale
c'è scossa che il cuore fa tremare
Non c'è sconfitta,tranquillo riposo
sogno stretto tra le dita, riflessi
colorati,che si specchiano
nel sorriso degli amici e innamorat

 SPERANZE  

Troppo tempo
alla ricerca della luce
mi vedevo riflessa
in posti inesistenti.
Piangere le mie lacrime,
che or
si sono fermate
...e vivere
in un pozzo di rimpianti.
Riflettermi non voglio
..in quel gelido specchio..
Esisto e non esito,
voglio guardare in alto,
sperando di volare,
capire,
giungere,
amare,
dissetarmi
e sentire che..
ancora mi appartengo.

  OCEANO DI PENSIERI  
 
Il pensiero,come l'oceano,
non lo puoi bloccare
non lo puoi recintare
ma lo puoi plasmare
con un tocco d'amore
lo puoi accarezzare
con il pensiero puoi
immaginare e sognare
ridere e scherzare
e un abbraccio a chi
vuoi tu puoi mandare


   ERA  
Era..
silenzio forse ingombrante
illusione che andava controcorrente,
promesse di vita non mantenute
Era...
forse nebbia o vento,che in me
avevo chiuso dentro..
una carta da firmare e..
quella odiosa lacrima scompare
Era..


   IL COLORE DEL PENSIERO  
 
 E 'solo un pensiero,
quello che mi rimane
di te.. anche così,
senza  passione, .....
 rimane la tua dolcezza,
 il tuo volto disteso, sorridente,
..rimane il tocco leggero
.. delle tue mani sul mio volto,
..rimane il colore dei giorni,
il senso di te,
la poesia di una vita
che appare  scontata,
e pur non lo è..
 
E' solo un pensiero,
che da senso al tutto
che a volte riempie
assenza ed esistenza,
e resta avvolto
dentro di me
E' quello che sento,
senza nessun aggettivo,
non lo chiamo amore,
affinchè nulla possa cambiare
tra te e me..
Come foto ingiallita...
ma resta per sempre
e lo tengo solo per me


  SPRAZZI NELLA MENTE  
 
Stessa vita,stesso freddo
anche con il sole,
trema il mio cuore.
Un altro giorno sorgente
un petalo di rosa cadente
e sprazzi nella mia mente.
Ti cerco in ogni pensiero
amato e amando ti cerco
toccarti non vorrei
per paura che tu svanisca
nei meandri dei pensieri miei


  OGNUN HA LA SUA CROCE  
 
Suona la campana della chiesa
dolce richiamo di ricordi lontani
Nel buio mi ritrovo sola
icone di felicità attorniata.
Ripenso ai miei dolori
fiducia,fede.........
sperdute nei mille vicoli
che il percorso della vita frappone.
Era facile una volta
aggiungere amore all'amore
trovar serenità
nella totale accettazione.
Ora fede barcolla.
Ti guardo croce sanguinante
Guardo te
Uomo su di lei morente
simbolo
delle nostre pene quotidiane
"Ognuno ha la sua croce"
Nel vederti la mia leggera appare,
si scioglie il nodo che ho nel cuore
una lacrima scende
la lascio qui
sull'altare.


   OGNI GIORNO..  
 
Sulla riva straniera
Andrò a posarmi libera
là dove nessuno
misurerà il mio dolore
dove il vento pulirà
la mente dai ricordi
Scivolerò in silenzio
in un viaggio tranquillo
trasportando i paesi che dormono
la gente che non vede
dove ogni giorno è silenzio
dove ogni voce è la stessa.
Non occorre parola
non occorre rimpianto
riprenderò fiato
prima di ricominciare a lottare.
Il vento non spinge più le nuvole
stavo percorrendo la terra
in qualche modo a testa in giù.
Raddrizzirerò la rotta
sopravviverò...
tutto ciò che non mi ha annientato
mi renderà più forte
Sento che per me … questa
…… è l’ultima occasione
spingerò le nuvole
pulirò la mente dai ricordi.

 
BUSSO O NON BUSSO  

Ma chi son io
che non busso alla porta dei sogni,
e rifiuto la vita di questo momento,
senza comprenderne il grido al soccorso,
la preghiera al rimedio?
Laggiù
nell'immensa quiete del nulla
c'è una mano che invita..


  VITA NUOVA  
 
Ho lasciato l'entusiasmo nel mare
l'abbraccio nel sogno
il tremito nel cuore
e la vita passata dietro me
Ho lasciato quegl' occhi
che mi hanno guardato,ma...
ho ritrovato speranza nel futuro
e nel profondo dell'anima
una luce che brilla eterna in me


   CHE CE RESTA  
 
Che ce resta de me e de te?
er tempo assente,
li pensieri voraci nella mente,
du cori..
du mani che nun se stringono,
du occhi che nun se guardano.
Come n'fiore appassito e
lo stelo spezzato,nun ce resta
che er tempo de li ricordi
de quanno ch' eri innamorato.
So piccoli dettagli..
mo che te sei invecchiato!
per me che t'ho amato,vuoi sapè?
E' come er vento della sera,
quanno che s'arresta e
la calma spera..sospesa tra
parole, me dico na preghiera
e m'affaccio alla ringhiera
pe vedè se spuntà na nova sera.


 
 DA LA MI SOFFITTA  
 
Mentre stavo a riporre li giocarelli
ne la soffitta de casa ar mare..
rivedevo li mi fij bambinelli
che su la spiaggia staveno a giocare
insieme a le palette a li secchielli
C'avevo nostalgia nel ricordà
nostalgia de li li tempi belli
che nun se possono dimenticà
Mo la casa è vota e silenziosa
senza l'urli de' fiji miei
che la rendono operosa
er il silenzio domina sovrano
solo l'onde s' agitano lontano
N'abbaio ma riporta ar presente
la mi cucciola che vole giocà
e sulla sabbia se vorrebbe rotolà
Pe famme scenne da sta soffitta
c' ogni vorta che c'entro
per me è na fitta..
lei me fa notà..
che nun se zitta si nun scenno
da sta palafitta.

 
 MANI  
 
Intensa e pura espressione
Mani che parlano
che indicano
che proteggono
che svelano in silenzio
e celano i silenzi
Che donano conforto
cercano appiglio
Che sfiorano e
e sanno sciogliere
respiri e pensieri
Mani che cercano, disegnano
istanti indelebili
che cancellano stille
di trascorso e di prossimo
Mani che lavorano
penetrando nella terra
mani che plasmano
che accarezzano il mistero
di un istante senza fine.
Spigolano e raccolgono un destino
mani che rincorrono le tue
e i piccoli framenti di tenerezza
evocando ricordi di memorie assopite
girando pagine infinite
come foglie  autunnali ingiallite.


   PRESENTE E FUTURO  
 
Questo è il tuo futuro:
quando non mi troverai nel tuo
infinito spazio,non saranno
parole pronunciate al vento,
non volerò da te per ogni
tuo tormento,e la mia anima
non ti sfiorerà nel tuo lamento
Griderai il mio nome invano
e i tuoi arcobaleni dipinti,sorrisi e
dolci pensieri,saranno per me
ricordi di ieri.
Questo è il mio presente:
ora mi sento quasi straniera
accanto a te,guardo dinnanzi a me
sono ancora qui,abissi marini
inghiottono anni di pura realtà,
giorni di felicità,che si sgretolano
sulla mia roccia dell'infelicità
Questo è il mio futuro:
la mia serenità,che pace
mi darà,di vedere ancor arcobaleni
colorati che si rispecchiano
nel mia serena tranquillità
ed io diverrò bellissimo cigno
circondato da un mare di stelle.

 
 HO VISTO IL TUO PRATO ..


Ho visto il tuo prato fiorito
Ho camminato sui tuoi passi
Ho sfiorato con la mano
Tutto ciò che tu sei.
L'olivo,il salice piangente
Il melograno..e I tuoi occhi
..I tuoi occhi pieni di felicità
perchè ieri ero la.
E la ora posso rivederti
Tra le tue siepi di rosmarino,
Ripercorrendo il tuo cammino.
Viuzze selciate e consumate
Da tempi lontani..da te..
E ancor prima I tuoi avi.
E una tavolozza di colori,
Pennelli tra le mani
Nel silenzio degli spazi..
Rivedo una pittrice
Che con ogni sognanti
E una tela immortala
Quel a lei è davanti:
Il suo mondo e il tuo.
Ho colto delicatamente
Una spiga di lavanda
Ancor profumo inonda
E nel mio cuore l'ho poggiata
Per non dimenticar
Queste immagini di una
Meravigliosa giornata.
Poi stanotte ti ho sognato
Eri su un cavallo imbizzarrito
Io l'ho domato,ma svegliandomi
Ho notato che la lavanda
Poggiata al cuor..
Si era frantumata,in piccoli semi
Che ho raccolto,e che ti donerò
Forse..per calmar il tuo tormento,
Ma credimi non provo risentimento

  PIOGGIA NEGLI OCCHI  

Offrendomi un appiglio
mi attacco all' ultimo ramo,
ramo della mia vita.
Ramo ormai spoglio
ramo tagliato,nel tempo passato.
Rimango in bilico, tra terra e cielo,
ricordo, uragani di parole,
e la pioggia che bagna il mio viso,
in bilico dentro una voragine
dove il vento impetuoso
spinge le mie membra e la mente.
Perchè tu. madre non asciugasti mai
le mie lacrime di bambina,
E tu madre,non riconosci in me
quel che il mio cuore ti ha saputo dare,
speranza, forza e sempre amore,
quello che io non ho avuto mai da te.
Terra fresca, ramo spezzato,
fammi tornare nel mio mondo incantato
Una litania e viene il tremore
un cuore triste riempito d' amore
e parole buone vorrei sentire,
e dona pace alla tua bocca,
come il seme d'aprile che va germogliare
tutto fiorisce, e forse un giorno
anche il tuo amore,
per me non destinato
Resta silente l' anima mia
ma il mio cuore batte
ancor più del pianto
che si gela sul ramo,
aspettando quel sole
e sciolga
una volta soltanto il tuo amore.  


  ONESTA'           

Ho mangiato pane e sale
ho sudato rivoli di lacrime
nulla di regalato,
tutto custodito
nella borsa della spesa,
pesante come un macigno
però...
allegerisce la mia vita



  FANTASIA SOGNANTE  
            (NATALE)

Sensazione catturar voglio
il bianco cader della neve
sui miei palmi
 
Un incanto ancor
è il mio solo intento
nell' intrepido silenzio
 
Attimi stanchi celati
e di ricordi stupendi
all'ombra dell' amore
 
pensieri cresciuti e volati
in
sospesi fili di fantasia
Non chiedo nulla
 
Sognar con la neve
che che dolcemente cade
E' Natale
 
E Appeso al mio cuore
tutto un mondo d'amore
e stupore di gioie
 
Scintillanti vetrine
case addobbate a festa
E' Natale
 
Un regalo chiedo
e un regalo io dono
perdono, speranza
 
il mio cuore che pulsa
e carezze e abbracci
e amore infinito
 
Ma dov' è finito
il suon di zampogna?
Ormai più nessun si vergogna
 
La pace è un miraggio e
luci d'artifizio
ormai sol vediamo
 
Ma un cuore
che palpita..
Ordunque...amiamo.. amiamo  


 IN UN BATTER DI CIGLIA
 
Voglio godermi parte del cielo
mi siedo
e presento ai suoi silenzi
il mio cuore.

Pagina bianca e dipingere
vorrei di colori
tramonti accesi
stelle, luna e sole.

E di fronte al mare
la scogliera e il vento..
come si fa a dipingere
ciò che si sente e non si vede?

E sono qua seduta
tra il compiuto e l 'incompiuto
pensando ad un tempo passato
ormai scaduto.

Vorrei dipingere un volto
o il mio sorriso rassegnato,
e l' amore rimasto li
tra sogno velato,
 
Un giardino di viole
una casa.. il cuore
che mai ho arredato,
mancavano arabeschi di cielo

il tetto del creato,
mancava la passione
un titolo o una trama,
o il ritorno nel pieno infinito.

Posso cambiare i colori,
non importa quali
e imbratto
il perfetto e l'equilibrio.

il sogno e la realtà
in un batter di ciglia
vedo
un arcobaleno di colori.



      SCINTILLE    


 Scintille di pensieri
ardono come calore
di ceppi nel camino
e si consumano.

Scintille di ricordi
rotolano veloci
come ore
di freddo inverno.

Scintille di luci
riccioli d'argento
minuti d' amianto
e confuse speranze.

Scintille fuggono
sazie di felicità
per ciò che il tempo
ha sfiorato la vita.

Scintille vibranti
di note sonanti
di poesie disperse
nel sole o nel buio
con dolce armonia


        DENTRO LA SPERANZA    
 

Benevola amnesia
nella notte sfugge.
Attendo.
In bilico il silenzio
si srotola.

E dentro un motivo
vivo di speranza
un cenno di melodia
e mi rannicchio
nella fantasia.

Leggere carezze
colme d'amore
sorrisi e parole
apriranno la via
ove ogni curva

è di note pentagramma
di nota in nota
serena mi risveglio,
tinto di argento il cielo
è danza di pioggia
a sbocciar il giorno .


SENZA NOTA NE RAGIONE 
Per quel che giova
mi accinsi
a ulteriore prova
perchè mai?

E' fuoco spento
l' attesa
non ha colore
ho capito

Scappo via
spezzo i miei sogni
abbozzo un sorriso
e penso

Mi costò salvarmi
ti ho dato l'aria
regalato una stella
quella più bella

Vivo
ma del tuo graffio
non ho ferita
ed ora

su amori ardenti
tu vaghi
come povero amante
incompreso

nel pensiero sempre atteso
lasciando una ragione
a chi non conosce
la tua canzone

pioggia spegnerà
ogni ardore
il fuoco annegherà
nel tuo rancore

Sorrido e
distrattamente
chiudo la porta
del mio cuore. 


 SCINTILLE  

Scintille di pensieri
ardono come calore
di ceppi nel camino
che si consumano.

Scintille di ricordi
rotolano veloci
come ore
di freddo inverno.

Scintille di luci
riccioli d'argento
minuti d'amianto
e confuse speranze.

Scintille fuggono
sazie di felicità
per ciò che il tempo
ha sfiorato la vita.

Scintille vibranti
di note sonanti
di poesie disperse
nel sole o nel buio
con dolce armonia


 PENSIERI  

I miei pensieri fanno ancora a botte
lasciano i loro segni nella notte
e taciturno il cielo del mattino
mi svela quello strano arcano
e dolce il tuo sorriso riveggo lontano.
Il freddo mi contorna
e tendo una mano a mendicare il sole
e faccio pace con i colori
della mia casa, sdraiata sul divano
trasformo in versi respiri di seta.
Prigioniera della calma
sul mio braccio, strusci il tuo musetto
in cerca di coccole ed affetto.
E sei l' eterna mia dolcissima presenza.


 SEI SEMPRE QUI  

Ti ho plasmato come a sentirti
viva immagine sedotta da sogni
Quante lune ho mirato
e le stelle del creato
cristalli luce
i miei occhi han giocato.

Respiro di tempi,
cerchio su date in rosso
ricordi concessi,
come a ripagarmi
dei giorni più intensi.

L'antenna dell 'amore
ci lega da sempre,
..una scheggia d'amore
universale

Stringesti forte la mia mano,
ma nel tuo volto rivedo
tutto ciò che il mare..
non ha mai cancellato.
Dura la tua scelta,
ma tra coltre di nubi
rivedo il tuo viso e
e sento il tuo richiamo


 INDOSSO FANTASIA  

Indosso abiti d' azzurro fantasia
una speranza elegante
scevra di quel pensiero petulante.
Con la mente occupata
a scrivere poesia
a mente sgombra che fa compagnia
s' intrufola nel mio essere
un nettare di note
parole di amori assoluti
di cuori non perduti
di perenne felicità
e conto sorridendo
gli anni della mia età.
Viaggia il tempo
e infinita tenerezza
avvolgo le mie braccia
in una forte stretta
Rivedo me che gioco a campana
nella piazzetta con la fontana
e la voce della mamma sento
al tramonto chiamare
per risalire presto le scale
E suona ancora la canzone
che lei canticchiava
mentre chiudeva ancor
per una sera quel portone.

                   
  LA TUA ANIMA  

Avevi il sorriso contagioso
di chi aveva sofferto tanto
Eri dannatamente bello
vestito dei tuoi sbagli.
Incontro la tua anima
c' è un posto per me?
Vedo i tuoi occhi
e m' intenerisco
ma non capisco
perchè va senza muovere
niente, la tua anima, senza me


  ECCOMI  

Eccomi
a dipingere stelle
su un cielo nuvoloso
Eccomi
con una sinfonia nell'anima
che è ancora dentro me
Eccomi
come torrente travolgente
di frasi in piena
Eccomi
con passione e nostalgia
incanto ed armonia.
Eccomi...
saper  poetar
è  solo fantasia

 MORIR DI TE  

Morir di te
è l'eterno vivere
al confine del respiro
tra origine e oltre

Scompigliando timori
stropicciando carezze
addolcendo gli occhi
in batter di ciglia

Irrefrenabile accozzaglia
di pensieri che girano
nella mente invasa
come un disco difettoso

Profumi di spezie conosciute
di mirti lontani
respira il mio essere
nel tripudio delle onde.

OMBRA

Essenza profumata di gelsomini
inebria i sensi e li vivo
Scivola pioggia sulla pelle
e poi torna il sole e scruto.

Scruto l' ombra e non risponde
la chiamo e non risponde
la risposta sta nella mia anima
quando nei sogni dipingo
il calore di un momento

e all'apparir dell'arcobaleno
mi addormento, dove racchiusa
mi son persa, nell'ombra di te,
e il tuo profumo sento.

BOLLA DI SAPONE


Tremula pellicola affascina,
attrae
è di una bellezza effimera
con mille colori d' arcobaleno
riempie gli occhi
e son gocce di allegria
o di affascinante poesia,
ma se  la sfiori con la mano
della  bolla di sapone
in ricordo ti rimane
sul dito una gocciolina
e in un attimo scompare
fintanto che un' altra  appare
e vaga sospesa nell' aria
insieme alla sua fragilità.




NUOVO GIORNO

Al quarto di' torno
a ragion d' essere
dopo avere cesellato lune
di pazienti tessere.

Come sospiro di luce
che sostiene il pianto
tra spazi remoti, non dimenticati,
i tanti  abbracci vuoti.

La nebbia persiste nel giardino
e brividi di freddo
non attardano
ad avvolgere il mio corpo.

Mentre la pioggia bagna
la strada ancor deserta
entro nella legnaia
a prendere un po' di ceppi.

Ora scoppiettano, ardono
ed emanano calore
e le fiamme vive
scaldano il mio cuore

E quegli spazi in memoria,
tempeste di ricordi,
son meno grevi
e lasciano spazio al sorriso
di gioie passate.

ANNI D' IMMAGINI


Non v' è alcun pensiero
al centro della mente
che schiaccia il core
e fa piaghe d'amore

Non ci son più ortiche, rovi
o foglie morte
vivo di fresco vento che..
carezza, anche se il tempo
volar fa via la giovinezza.

Ma è un candido ritorno
per sempre imperativo
tra luccichii di stelle
la splendida notte.

E se la luna ne fa contorno,
l' essenza nei miei maturi occhi,
mute parole, ammirano il creato
e passato e futuro

son due poli opposti
Incantevole sostanza
volano i giorni
senza ritorni,
anni di immagini.

E' GIOIA

E' gioia d' oro
che scandisce vita
tra fiori di rosa e margherita
Rose di aprile
solfeggiano il cuore
verso dopo verso
in ritmo di profumi
ti abbracciano
d' infinita bellezza.
E le foglie
sussurrano a folate
dal vento accarezzate
e me ne sto
a guardar insieme
a rose e fior
il loro palpitar.


L' ABBRACCIO

L' abbraccio di una mamma
non chiede ricompensa
ne' gloria e ne' stupor
per l'amor che lei dispensa

L'abbraccio di una mamma
non ha spine dolorose
ne aghi d' oro, ma è
abbraccio d'amor

L'abbraccio di una mamma
ti sorregge se ti senti perso
e dalle paure ti protegge
sei tanta gioia nel suo cuor

L'abbraccio di una mamma
ricordalo sempre
che perla rara è
con te nella tua vita

Quell' abbraccio ricordalo
anche quando lei
per divin natura
la vita lascerà.


PER TE UOMO SPECIALE

Ogni giorno rubo per te
con l' ultimo pensiero
un arcobaleno di sogni
E nel giardino del mio sonno
arrivi tu a darmi consigli

Sei sempre per me il fiore più bello.

Elegante, con l'immancabile gilè
vestito in doppio petto blu come il cielo

Ogni sera rubo per me
quella stella che vedo spesso brillare
e immagino:
è il sorriso che mi mandi
il tuo abbraccio caldo
come fosse favola vera.





 





  LA VOCE DEL CIELO  

E tu chi sei?
Chiedo al cielo che
col suo chiaror mi
apre gli occhi assonnati
sono l'alba del tuo risveglio.
Sono l'umore della tua giornata
che una primavera splendente
ti fa sorridere alla gente
e brivido che una tempesta
malinconica ti rende.
Sono l'estate in fiore,
l'attimo innocente
di un bimbo che gioca
con il naso all'insù
Sono il sogno che hai espresso,
la scia che nel buio avanza
nella notte stellata
che in un sogno sereno
ti avvolge di manto.
Sono il cielo di tutti
e non costo niente,sono nuvola rosa,
o pioggia battente,sono arcobaleno,
sole risplentente..luna e stelle..
Sono il giorno e la notte
i minuti o i tuoi giorni
Stanotte guardami meglio,
mi vedrai in un mare di stelle,
ammirerai il carro e una ancor
più lucente..è questa che io,
cielo,farò scendere fino a te.

 VORREI  

Vorrei essere altro..
magari un petalo
che staccandosi dal fiore
in silenzio cade
si adagia per terra
e sente il profumo
della terra bagnata
e tocca e accarezza
la tua impronta lasciata
Vorrei essere altro..
forse farfalla
che vola da te
e si poggia sulla tua spalla
Vorrei essere altro..
e solo per te..

Vorrei essere altro..
magari un petalo
che staccandosi dal fiore
in silenzio cade
si adagia per terra
e sente il profumo
della terra bagnata
e tocca e accarezza
la tua impronta lasciata
Vorrei essere altro..
forse farfalla
che vola da te
e si poggia sulla tua spalla
Vorrei essere altro..
e solo per te..  

  A MIO PADRE  

Privililegiata sono stata
perchè sempre nel cuor tuo
mi hai portata
e sempre tingerai la mia memoria
d'infinito tempo con te trascorso
Al mondo la tua mano
da un anno hai chiuso,
triste, sconsolato fu quel giorno,
..ma ben vuoto sarebbe
l'oggi senza l'averti conosciuto.
Ed io sentendoti al mio fianco
sò che sarai guida al mio domani.
..e oggi come ieri, per me
il sentimento non ha sentieri,
ne confini o barriere d'altri cieli.
tvb ..

   GOCCE DI SOGNI  

Con le dita accarezzo ombre
su orme di passi di memoria
e dai meandri più sottili
mi tuffo nel volo più profondo
macchiandomi del viso di te.
Attendo tra un sogno e un pensiero
il trasporto dei respiri del vento
che la tua voce diventi parola
qui nell'abbraccio di questa penna
librando dalla corda all'aquilone..
ed ecco parole che colano su carta
così semplicemente lente
mi danzano su note
che vibrano sotto questa pelle,
mentre fuori non s'ode un sussurro.
Il tempo si stampa nel fermo immagine,
nell'attesa di sentir aprire quella porta,
e per questo scrivo e dipingo versi
intrecciando il sogno del presente
con le trecce dei baci di questo universo


 
 UN DISPETTO DEL TEMPO  

Sono dimore d'ombra
dove s'ode la pioggia
ed i colloqui muti e stretti
che s'intrecciano al tremolio del lume
e i fiori di silenzio.
E' un planare d'ali,un chiudere una porta.
Addentrarsi nella circoscrizione sconosciuta
che elude spazio e tempo.
Il luogo è, forse,intorno.
Ci sono passi leggeri,
impercettibili passi lievi
e il mormorio dell'erba.

 
 AMICIZIA  

Nebbie di albe lontane
occhi teneri intrisi
da un dolce sorriso
Nell'ascoltarti
si sente dentro il cuore
fresca sorgente.
E' l'acqua dunque..
l'acqua che scorre
un'acqua sincera e pulita,
che da un mare lontano
ti ha portato a stringere
di un'amica la sua mano.
Nulla di più bello
dell'amicizia fa letizia
delle tue parole..
grazie amico, il virtuale
è diventato reale.
Reale è la mia immagine,
come tu mi hai dipinta.
Nessuna pretesa,
nessun gioco,
l'amicizia si offre
senza nulla in cambio,
e la realtà..discerne
ora la virtualità..
tra le eresie delle
persone che perdono
mai non dà..
.

   BUON ANNO  

Crediamo che la vita
sia una corsa infinita
e invece è solo una breve gita
fuori porta
Perchè affanarsi tanto?
Basterebbe sedersi
su una panchina vuota
coperta da sogni
ed aspettare.
Gustarsi nel frattempo:
una carezza del vento
la voce di un amico
il volo di un airone
il sospiro di un amore
il rumore del mare
e un canto soave
Basterebbe stendere i propri sogni
sgranellati di pianto
come tappeti al sole
dipinti di azzurro
e irrorati di gioia
per questo nuovo anno che verrà
auguri farsi con grande lealtà.

 
 NA CANZONE M'ARIPORTA..
 
N'occhiata ar cielo grigio
e sorseggio er caffè fumante
pe famme scomparì la sonnolenza
che in me  è ancora presente.
Pe fa un pò de rumore,
ne sta stanza senza sole
me metto n'cd e....
E' na canzone che me piace tanto
e che spesso io me canto.
....magari..
Ed ecchite li che t'arivedo,
Sta musica finisce,
raccolgo le note,e
na lacrima amara me scenne
sulle gote,me rendo conto
che so passate un bel pò
d'aurore,da quanno te ne uscisti
dicennome..addio..amore

  RICERCA DELLA FELICITA'
Tra cunicoli dell'ego e nel rispettoso silenzio
solo tu sei padrone della chiave del tormento
quando decidi di varcar la soglia puoi,
avventurosi viaggi interni e immaginari
ti condurranno la,alla ricerca della felicità


   FOGLI DI VITA  
 
Inchiostro di riposo assueffatto
impietrito resti.
Il pensiero delicatamente erompe
calore dalle mie mani trai,
impetuoso i fogli della vita riempi
e lasci in disparte tutti i miei rimpianti.


  DISTRATTA DALLA POESIA  

Quartina distratta ecco
che or in tutto si adatta
non somiglia ad un sonetto
che ieri di fretta scrissi di getto
 
mente locale di me non fa
comune mortale,lascia che scriva
sul mio blocco bianco,note e pensieri
di ieri sepolti in luoghi stranieri
 
se poi decidi di non leggere ancora
lascerò la mia mano
stracciare anche questo foglietto
e continuerò con il quinto sonetto


   VOCI ASSENTI  
 
Il battito del vento
e della pioggia sui vetri,
i miei pensieri sospesi
nell’aroma di caffè
e nel profumo di bucato,
i miei occhi distesi
sui tetti scoloriti
e sui muri ingialliti
dal giorno appena nato,
nella quiete dei silenzi
di un telefono muto
e di voci assenti,
fluttuano sugli alberi nudi
e guardano i visi opachi,
si perdono nella luce debole
di un mattino qualunque
e nell’inquietudine
di questi momenti,
a cercare certezze future
in questa attesa presente,
per andare ovunque.


   UN SOFFIO DI POESIA  
 
Ricordi di vento
bussano alle palpebre
di dicembre,capodanno,
trecento e più carezze
muoiono sul davanzale
colori scintillanti
affacciata ad un soffio
di poesia ripenso
come è stato l'anno mio?
e muto è il canto
e solo pensiero che nutre
amore,pace,gioia e pianto
Sprazzi di luci colorate
in cielo,un minuto ancora
mezzanotte..è ed ora..
un volo pindarico che plana
sulle scogliere dell'anno nuovo
in attesa di sogni mi poggio
su questa nube che mi fa
da grembo,un bacio,un soffio
una carezza e auguri al mondo


 
      FILA..STRACCA    
 
Riflette la luna rinata speranza
di vita scolpita su fragile danza
neve in strada in grande abbondanza
candida e assopita il capo m'imbianca.
Le mie mani sul volto
a tremare carezze, a scucire il sorriso
che aderisce alle dita.
Ladra sono del tuo tempo
frammenti che rubo
che riempio di baci e sospiri.
Io comprendo mi propongo,sorrido
e mi sostengo nel candido manto,
al tempo che è l'attimo di ieri,
l'attimo che è goccia che disseta
giochi infanti ricordo ancora.
Palle di neve,grida gioiose,
scarpe bagnate e quante sudate!
tempo che vola..quante sgridate..
mamma arrabbiata,per quel rosso
vestito che mi aveva cucito
inzuppato di neve,ad asciugare lo poggia
al calore di un camino
e poi di abbracci mi avvolge
e mi tiene stretta,teneramente,
rimane la foto che ho nella mente.



   FERRAGOSTO DI POESIA  
 
Ferragosto di caldo e poesia
ne tristezze e ne malinconia
poi giunge la sera
e i soli di notte
Guardano il cielo di nuvole nere
con la speranza di vedere una stella
per far si la loro notte più bella


  BUGIARDO AMORE  
 
Lascerò aperta per te,la porta del mio cuore
piccola tenera anima mia,tu..la mia vita..io la tua,
per sempre
le scandisti bene le parole
ed io timidamente entrai e trovai in te calore
Amore..amore,
dolce bugiardo amore
La mia mano carezzò il tuo viso,
rispondesti con un sorriso
La tua mano prese la mia
fate turchine,pioggia di stelle
cos'è magia?
un giorno percorresti un ripido sentiero
dove trovasti l'amore vero,
ed io con un velato pianto
ti restituii la chiave..


   FOTO CARA  
 
Un canto soave,una ninna nanna,
sulle labbra di un volto familiare
odo e vedo, nell'aria aleggiare,
profumo di rose,erba bagnata e
una bimba assonnata,adagiata
come una goccia di rugiada
tra le braccia forti,
di una testa imbiancata.
Un tuono,un avviso..
rumore improvviso,
mi riporta dal sonno
al mondo presente
Il canto non odol
e rose non vedo,
e l'erba bagnata,
l'ho solo sognata
La testa imbiancata
mi guarda e sorride,
tra tra fogli e matite
di una cornice...


 
  SPERANZA  
 
Travestiti d'aurora
fammi sognare ancora,
coccola i miei passi
in mezzo ai fiori
nati tra l'asfalto
e i sognanti sassi.
La luce del mattino
seguirò sul tuo cammino,
in cuore porterò
dolce tremula emozione.
E speranza chiamerò
il destino ad alta voce
ed eco lei farà fin giungere
la mia mente felice


 
 SE LE MANI  
 
Potessero le tue mani
sfiorare i suoi confini,
come sguardo sui profili
si dilaterebe il cuore
emozionato e felice.
Potessero le mani
lasciare
una carezza di sogno
avvolta
in argento di luna,
una pioggia di stelle
cadrebbe dal cielo.
Potessero le mani
intrecciarsi,
un'armonia di pensieri
e desideri silenti,
sarebbero
cantico d'amore


 
  E NON RESTERA'  

E non resterà che un souvenir del nostro viaggio
un souvenir nascosto
di tanta vita passata che ingiallisce
nostalgica e irrequieta,una foto
Colori di un istante diventati eterni
eterni,certo
fino allo sbiadirsi dell'immagine
e al perdersi dei ricordi
nella disordinata mente del mio cuore

 
 COME FILI D'ERBA  

Intrecciati come fili di erba,
i miei sogni per te
formanti una canasta di fiori..
te. che come rugiada bagni
e come sole asciughi,
filo d'erba, o fiore profumato.
non più amato,mi calpesti,
senza neppur
avermi guardato...
tracciando con orma
del passo,un sentiero
ormai segnato,
dell'amore per me
ormai dimenticato.

 
      NEL SILENZIO  

Vanno ai petali gli occhi
e al filo dei pensieri
Teneri germogli brinati
sul ciglio della strada
nel silenzio adagiati
disincanto risveglia
dal placido sonno.

E nel silenzio
dipingo di colore
l' eco delle tue parole.

Tanti bagagli,
ricordi sepolti e risorti
amore perdonato
nella fede del divenire
vita nuova o desti giorni
amor che fu
ad agganciar sogni.

Scarichiamoci del passato
stringiamo nuove mani
cerchiamo nuovi amori.
tutto iniziò li
tutto fini li. 

                       

                                     
 IMBRATTATO MANOSCRITTO

Come pittore
provo a dar colore
a questa vita strana
pennellate al cielo
e giallo al sole
niente da fare.. piove!
Pitturo l'anima di luci ed ecco
ad intermittenza, come risacca,
ritorno indietro col pensiero.
Una tela di ricordi belli
colore e calore e nel paradiso
mi perdo e l'animo mio s'eleva.
E gli occhi conosciuti
che sorridean ai saluti
ora stanno li a guardare
e s' intrecciano felici
nel bosco dell'amore.
E.. fuori non piove..

 
DEDICATA  A MIA MADRE

Linfa di questo tronco
rinverdisci annoso
spuntano germogli odorosi
e mi rapisce la nostalgia
di un  attimo immortale
la tua poesia, mamma mia!
Di leggeri merletti
si veste la finestra tua
Traspare colore del sole
e fiumi di parole:
le tue trecce rosse
la tua gioventù
e il tuo unico amore.
Respiro di te
del tuo passato
giardino i tuoi pensieri.
E il rumore dei tuoi tacchi
mentre il pendolo
scandisce le ore
e i giorni andati
entrano nel mio presente,
e il profumo che tu hai
entra in me prepotentemente.
Come quel purpureo
bianco e sanguigno fior
che dal tuo cuor profondo
in me fa germogliar
nel destino radioso
di lontana vita
il tuo davanzale ansioso.
Ricordi, mi chiedi?
Certo, ricordo
e tutto diventa visibile
nel nostro mondo di ieri.


  SOGNO  

E nel silenzio della notte
sento  il cuore che batte
e il respiro si fa lento.

E' frivolo il mio sognare
colorato e immenso un mare.
E li son frutto che matura al sole.

Spiga di grano o giunchiglia
che al vento si piega.
E m' incammino

Sabbie dorate, conchiglie abbandonate,
fasci di luce sul mio viso
carezze di passioni

di innocenti pensieri
come fossero qui
dietro le quinte
rileggo il mio passato
.
Per un momento oscillo,

il cielo si fa bigio
e l' impronta che ho lasciato
con un rumore sordo d' onda
come riga cancellata su foglio.

E' un attimo.. torna il sole
rovisto nel mio sentire
riaccendo colori, profumi

azzurro, oro, muschio, mirto
e nel sentiero dei miei sogni
magico incanto.. la natura.

Selvaggio è il  mio cercare
e i miei occhi in festa
navigano in un profumo di allegria
rispecchiandosi nel blu del mare.


 ALBA  


Alba

Alba chiara come romanza
regina bianca promessa
fulgida e scolarata

è poesia di danze
sorpresa di lenir pensieri
è amore, versi o  attese

Tessi la tela che ha un senso
un condiviso affetto
un abbraccio perfetto

che tocca il cuore
con stima e rispetto
tra mille sfumature.

Or potrai sentir
un brindisi alla gioia
grappoli di glicine

sani e vigorosi
come calice di vino
anonimo e non più riflesso

Con la mente prena
di romanza e poesia
l' alba ti sorride

Vivi e vola via
dal grigio
della tua maliconia


VIETATO CALPESTAR SOGNI

Carezza m' accompagna
intona d' incanto il cuore.
Bimba dagli occhi di castagna,
sorriso acceso d'allegria
il tempo non ha rubato
le mie vesti, e i miei anni
... già volati..
e a lor è vietato
i miei sogni calpestar.

Miracolo più grande
l' eternità del mio pensiero,
che lascio fluire come magia.
Vibro ancor con ali di farfalla
e mi poggio tra spazi vuoti
che riempio di gioia eterna.
E scherzo e gioco e rido
e boh,  questo è il mio mondo..
e sembra infinito
La vita è così se la si vuole
pazienza, dolcezza e amor
per ognun che mi ha ferito.


SEI SEMPRE...QUI

Ti ho plasmato come a sentirti
viva immagine sedotta da sogni
Quante lune ho mirato
e le stelle del creato
cristalli lucenti
con i miei occhi hai giocato.

Respiro di tempi
cerchio su date in rosso
ricordi concessi
come a ripagarmi
dei giorni più intensi.

L'antenna dell'amore
ci lega da sempre,
una scheggia d'amore
universale

Stringesti forte la mia mano,
ma nel tuo volto rivedo
tutto ciò che il mare..
non ha mai cancellato.
Dura la tua scelta,
ma tra coltre di nubi
rivedo il tuo viso
e spesso il tuo richiamo.

 
 MAI DESIDERAI  

Mai desiderai ciò che non esiste
ne lamenti per futili sgomenti
fiocchi di gioia e voli
dove difficile è atterrare

Perchè lasciarsi influenzare
da tante menti o pensieri
che nessun vuol sentire!
Un far di rime, echi cordiali,
un eterno ebbro mattino
e tu musica nelle vene
è ciò che desiderai

Neppure il silenzio esiste
I pensieri si aggrovigliano
questi si che fan rumore
sordamente radicati
son la lnfa e la corteccia
del pendolo del cuore.


UN SORRISO NELL'ANIMA 
                  a mia sorella

Piccolo chicco
fiore nato dall'amore
quel giorno d'inverno
sei entrata nella vita,
nella mia vita,sorella.
Minuscolo germoglio
fiera e tenace
tra le mie braccia
ti ho tenuta e cresciuta.
Piccola sorella
dal ventre di mamma tu sei nata,
ma son io che per anni e anni
t' ho trastullata..
Ricordi belli, e se pur
tu grande sei diventata
nel cuor ci sei sempre
mi rispecchio in te
perchè t'ho sempre amata


 
         LUNA 

Il tremolio delle ciglia
attende la risposta.
Guardami.
Guardami dentro gli occhi.
Comunque vada, tu guardami.
con la voce del cuore
e con parole di miele
parlami.
Dubbi e incertezze
dipingono il tuo sguardo.
il mio è un soliloquio
che s'arresta e aspetta.
Aspetto.
Un segreto canto
stella dove mi perdo
e tu luna,
figlia di ogni mondo
guardami.
Sei un punto di fuga
compagna silenziosa
che tieni racchiusi
i tuoi tesori..
e il tremolio dei miei occhi
diviene sogno
ti ruberò
per illuminare le mie notti
ti ruberò
per poter cantare
la bellezza e il tuo splendore
 

 
 DELFINO  

Sigillo immortale
dal delicato fascino.
Azzurro fascino
cupo
sai di sale e mare
dove guizzi
come pirata pentito
superi onde e tempeste
danzando nella brezza
insieme a un gabbiano.
Vivi di vento e libertà
senza padroni
segui la rotta
come tu fossi ovatta
nuotando veloce
in cerca di divina pace 






  RADICARSI  D' IMMENSO  

Spedisco il mio pensiero
all' orizzonte
a radicarsi d' immenso
a congiugere distanze
la dove nugoli di rondini
volano sulle vigne,
lasciando l'estate
con l' ultimo respiro
mentre giunge in silenzio
con una folata di vento
un settembre improvvisato.
Lasciando in bianco e nero
il viaggio della mente
e il tempo frettoloso
sospeso
dove il cuore è inascoltato
nel senso delle cose
.. nel dolce niente..


 BUON NATALE PAPA'  

 Il cuore di molte persone
non è cieco,
ma ha quel bizzarro vezzo
di voler vedere solo ciò
che li appaga, non pensando che
potrebbero far del male


Stringo tra le mani aria
è un effimero sogno
è solo un momento
mi accorgo di non aver nulla,
tra le mani stringo il vuoto.
Il vuoto che è aria.

Tra poco è Natale
sentirò la voce del crepitio
della legna ardente
del mio camino acceso
e starò li a ripassare
volto per volto
i gioiosi sorrisi
ora assenti al richiamo.

Non passerà nessuno
la slitta se n' è andata
con la sua musica
in un dicembre
di tanti anni fa
e sopra l'albero
la neve non scenderà.

Gli anni passano
riguardo le mie mani
solo aria ci sarà
e una lacrima scenderà.
Buon Natale Papà



  STA CATTEDRALE NOSTRA

Arisommi l'anne che c'ae
e li penzieri  passano
come a sfidà l'tempo
e torno la
doe ne na notte stellata
te n' canti a vedè r' Domo.
E m'arivedo fja
co le scarpette bianche
e le calzette corte
mentre magno n' gelato.
Quell' omo cor carretto
sa già che l' pane
pe la famiglia, l'ha guadagnato.
In mezzo a la piazza
di bimbi come me
è circonnato:
vojo l' cioccolato..
a me.. un po' de crema e limone
a me.. eccolo n'antro..
vojo tutte le guste.
Nun se po', je risponne
l'gelataro, magna du cose sole
cocco mio,'che l' cono
nun riesci a tenello in mano.
Sto seduta su li scalini
col viso mbronciato
'chè l'vestitino della festa

de gelato ho imbrattato.
Poe passano l' anne
e su li scalini davanti l'domo
c' annavo co l'amiche,
a vedè la cuspide e il rosone
na granne meravija
che a l' occhie tutto te pija.
Arisommo l'anne che sò passate,
sò tante e nun l' ho dimenticate
'che 'sta cattedrale co la su facciata
è come l' orologgio de la mi vita.
E'da quanno che so nata che passo de li
e me fermo a guardallo, come se
nu l'avvessi mae visto e
so' sempre incantata, e cò na cotta
pe sto monumento...
come se annassi...
al mi primo appuntamento.

 
   AUTUNNO    

Profumo di mosto
di autunni lieti
disincanto di filari
ormai esili steli.
Piedi nella tinozza
pestavano l' uva dorata
pensieri anni passati
e ciò che rimane
è il ritorno di fogliame
che cade su terre
da molti abbandonate.




 
    E POI SILENZIO  

Finchè la luna arzilla amoreggia
fin al sorgere dell'amato sole
chete le voci saranno
e giace sopito il volto mio
L' inquietitudine del giorno
or son sogni d' autore
e m' ha spedito dolce
un suo sorriso..
E nei suoi occhi leggo inciso
che l' amore è all ' infinito
in voli empirici svanito.
Luna arzilla e innamorata
or che son svegliata
e riempie d'oro il mondo grigio
il sole in una terra
misera ed abusata
dove gente ha bisogno di colore
lavoro, un tetto e tanto amore.

 
  GLIELO LASCIO CREDERE   

Quel che dico quando me ne sto in silenzio
chi vedo quando chiudo gli occhi
come vengo sospinta quando vengo sospinta
cosa cerco quando lascio libere le mie mani.
Nessuno, nessuno sa
Quando ho fame, quando parto
Quando cammino e quando mi perdo,
per me andare è ritornare,
e ritornare è indietreggiare
E ciò è avvenuto
Che la mia debolezza è la mia forza
e non sono  maschere,
E quel che è seguito non era tempesta
Credono di sapere
Ed io glielo lascio credere
E ciò è avvenuto
Pensano di aver costruito per me una gabbia
affinché
la mia libertà fosse di loro concessione
e ringraziassi e obbedissi.
Ma io sono libera
prima e dopo di loro, con e senza di loro
Sono libera
nella vittoria e nella sconfitta
La mia sola prigione è la mia volontà!
La chiave è la loro sconfitta
Tuttavia si avvinghia intorno
alle dita del mio desiderio
E al mio desiderio
non possono impartire ordini
Credono che la mia libertà
sia di loro proprietà


     
 OMBRA  

Essenza profumata di gelsomini
inebria i sensi e li vivo
Scivola pioggia sulla pelle
e poi torna il sole e scruto.

Scruto l' ombra e non risponde
la chiamo e non risponde
la risposta sta nella mia anima
quando nei sogni dipingo
il calore di un momento

e all'apparir dell'arcobaleno
mi addormento, dove racchiusa
mi son persa, nell'ombra di te,
e il tuo profumo sento.


     
        VITA      

E dolcemente sto prigioniera
in questa umida e fredda sera
non ci sono fili spinati.
Tra una notizia del telegiornale
di misteri di chi fa del male
c' è rimedio ai miei problemi
e penso che la mia vita
è un momento speciale.
Mi rispecchio  e avverto sensibilità
riesco ad amare chi amare non sa,
avverto il fascino della mia età
che aggiunge vita alla vita.
Un sorriso all' autunno che va
alle foglie gialle del mio giardino
alle rose sfiorite, ed ecco..
in un momento il tramonto
e pace consolante
nel riflesso di un passo felpato
di chi sempre mi ha affiancata.
Prigioniere di noi stesse, io e te.